La storia

La storia

Il 4 aprile 2014 è la data storica della nascita della nuova società di pesca Moesa.

Dopo un paio di anni di collaborazione in diverse attività finalmente le due ex società di pesca di Mesocco San Giacomo e Circolo di Roveredo hanno unito le forze e fondato la nova Società Pesca Moesa.

La nuova società conta cosi circa 80 membri provenienti da tutta la Valle Mesolcina, dalla Calanca ma anche dal vicino Ticino.L`unione delle due società è un bene per il nostro patrimonio ittico vallerano in quanto unendo le forze si possono portare avanti e realizzare progetti a largo raggio in tutta la Mesolcina. Dalla pulizia mirata del fiume alla creazione di nuovi accessi per i pescatori come pure l’immissione di fario e iridea allevate nel bacino di Cama di proprietà della società e gestito totalmente dalla stessa.

Inoltre anche finanziariamente questa unione ci permette di affrontare spese che in passato non erano alla portata delle due società.

Collaboriamo anche con la sorella società di pesca della Calanca la quale lavora e si impegna in modo esemplare per la tutela e la salvaguardia del fiume e dei torrenti calanchini sempre più minacciati da progetti di sfruttamento da micro centrali con rendimenti molto discutibili ma sicuramente a danno della nostra fauna ittica e biodiversità.

Questo sito internet vuole essere una piattaforma di informazione, scambio di opinioni e esperienze con lo scopo di avvicinare giovani e non più giovani alla nostra natura, al nostro territorio e al nostro patrimonio ittico. Vuole essere anche un occhio vigile e presente a difesa di un ricchezza naturale che vogliamo e dovremo consegnare alle nostre generazioni future il più integro e incontaminato possibile.

Cari pescatori e simpatizzanti vi auguriamo buona lettura,buona visione e tante soddisfazioni in riva ai nostri fiumi e laghi mesolcinesi.

 

Società Circolo di Roveredo

Fondata nel 1950 la prima società acquicoltura e pesca distretto Moesa rappresentava tutti i pescatori della Mesolcina e Calanca ma dopo 5 anni si sciolse per lasciare posto a ben 3 nuove società, quella del Circolo di Roveredo appunto, quella della Calanca e quella di Mesocco.

Il primo presidente della società del Circolo di Roveredo fu Guido Keller fino al 1985 succeduto poi dal dott. Giulio Zendralli.

Il testimone, nel 2000, con l’avvento del nuovo millennio, passa in mano a Pietro Barbieri che con pazienza e costanza traghetta la società fino ai giorni nostri ed è lui l’artefice, con i suoi giovani collaboratori, della fusione e della nascita della nuova società.

 

Società Pesca San Giacomo

La società, la cui attività comprendeva il territorio del Circolo di Mesocco, è stata fondata nel 1978 e, con alla testa il Presidente Enrico Ciocco, ha avuto negli anni una rapida e costante crescita fino a raggiungere quasi 100 soci aderenti . Pochi mesi dopo la costituzione del sodalizio l’alluvione (di ben triste memoria) distrusse più del 90% del patrimonio ittico per cui si iniziò il gravoso lavoro di ripopolamento. Nel 1980, per incrementare le semine, si costituì al Pian San Giacomo un pozzo d’allevamento; purtroppo per condizioni climatiche non ideali il progetto venne abbandonato. Dopo dieci anni il timone della società passo nelle mani del nuovo Presidente nella persona di Josè Mazzoni di Soazza. Agli inizi degli anni novanta si iniziò a discutere l’opportunità d’inserire il luccio nel lago Lido d’Osso, che in seguito venne attuata, ed inoltre si discusse sulla presenza degli aironi. Dal 2003 la società è stata diretta da Antonio aMarca quale Presidente. Negli anni a seguire, oltre alle usuali incombenze, ci si è battuti per la reintroduzione della trota iridea nel lago d’Isola e la realizzazione di protezioni per evitare che il luccio passasse dal lago Lido d’Osso al lago d’Isola. Con decisione assembleare del 15.11.2013 venne sancita all’unanimità la fusione con la Società Pesca di Roveredo e conseguente costituzione di una nuova società comprendente tutto il territorio della Mesolcina.